Sentieri Partigiani (Logo)

Il bosco di Pian PràSentieri Partigiani Val Pellice

Il Bosco di Pian Prà è posto lungo la cresta di spartiacque tra il bacino del Torrente Pellice ed il bacino del Torrente Luserna, all'incirca tra il Monte Luetta (1.341 m) e la Rocca Berra (1.231 m), in un'area dai pendii poco acclivi.

La superficie del SIC (Sito di Interesse Comunitario), come tutta l'area circostante, è ampiamente ricoperta dalla vegetazione forestale, qui composta prevalentemente da faggio (Fagus sylvatica), e all'interno della quale si trovano alcuni lembi di rimboschimenti e di boscaglie d'invasione. Un'area ben più modesta è occupata da zone a prato e a prato-pascolo, per lo più presenti in maniera frammentaria in alcune radure.

All'interno del sito sono presenti due aree di cava, una abbandonata, localizzata ai margini inferiori sul versante del Torrente Pellice, ed una attiva, aperta recentemente sulle pendici sud del Monte Luetta.

Ambienti e specie di maggior interesse

Due sono gli ambienti di importanza comunitaria: tra le formazioni erbose sono stati rilevati i prati magri acidofili del Nardion e Violion caninae (6230); il bosco di faggio, ottimamente conservato, è riferibile alle faggete acidofile (9110), cenosiche qui ospita alcune specie floristiche molto interessanti come la rara Monotropa hypopitys.

Di notevole rilievo zoologico è la presenza di elementi molto interessanti fra i coleotteri carabidi: qui si trova infatti una stazione di Dellabeffaella olmii, endemico della zona, Doderotrechus ghilianii sampoi, stenoendemico, Aptinus alpinus e Pterostichus impressus, endemici delle Alpi Cozie e Marittime.

Per ciò che riguarda il resto della fauna, sono segnalati la salamandra pezzata (Salamandra salamandra) e due rettili, l'orbettino (Anguis fragilis) e il saettone (o colubro di Esculapio Zamenis longissimus), per il quale la D.H. prevede una protezione rigorosa.

Nota: le foto delle quali è segnalato il copyright sono coperte da licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported